Storia - 3ª fase 1985/1990

Port

L’affermazione istituzionale – l’azione comune nel  Consiglio Consultivo della CIDM e il Coordinamento Nazionale delle Donne

Nonostante l’UMAR appartenga al Consiglio consultivo della CIDM (Commissione per l’Uguaglianza e per i Diritti delle Donne) dal 1977, è in questa  fase che più si impegna in un lavoro di azione comune con le OGN dei diritti delle donne, non solo nella CIDM ma anche nel Coordinamento Nazionale delle Donne, struttura formata  nel 1987 e collegata al Coordinamento Europeo delle Donne che man mano perse potere con la formazione della Lobby Europea delle Donne, nel settembre 1990.
L’UMAR partecipa, in questo periodo, alle iniziative comuni delle ONG, più specificatamente nei seguenti seminari :

  • Valutazione dei risultati della decade della donna.
  • Violenza contro le donne, iniziativa del Coordinamento Europeo delle Donne a Lisbona.
  • Donne e impiego in Portogallo.
  • Il diritto comunitario e l’uguaglianza tra donne e uomini.
  • Donne e povertà, promosso dal Coordinamento Nazionale de Donne.
  • Violenza sessuale nei luoghi di lavoro;

L’UMAR sottoscrive, nell’Aprile 1987, con altre associazioni di donne, il Manifesto Elettorale: “Il voto delle donne deve dare voce delle donne”. Fonda, con altre associazioni, il Coordinamento Nazionale delle Donne. Protesta anche, con altre ONG, contro l’estinzione della Commissione Parlamentare della Condizione Femminile. Collabora all’elaborazione del progetto della legge sulle Associazioni di Donne dibattuto all’Assemblea della Repubblica l’8 Marzo del 1988.

Tra le iniziative proprie dell’UMAR si distinguono:

  • solidarietà alle lavoratrici della Standard;
  • denuncia della posizione dei vescovi contro la pianificazione familiare;
  • sostegno alla candidatura di Maria de Lourdes Pintasilgo alla Presidenza della Repubblica;
  • posizione pubblica dell’UMAR contro il progetto di legge di revisione costituzionale del CDS, per equiparare l’aborto ad un crimine all’interno della Costituzione;
  • denuncia del controllo sul tempo per usufruire del bagno da parte delle operaie della Confélis;
  • indagine su 2000 donne di Lisbona: "Donne, Impiego e Infrastrutture di sostegno per i bambini";
  • realizzazione dei seguenti dibattiti: "La Donna e la Salute"; "Droga, come comportarsi?"; "Donna, madre, cittadina e infrastrutture di sostegno per i bambini".